Cookie Policy Silvio Coppola presenta “Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico”
Crea sito

Silvio Coppola: Se ami i libri fantasy non perderti “Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico”

Spread the love

Cari follower del Fabia’s corner,

Oggi voglio consigliarvi un libro scritto dal giornalista Silvio Coppola dal nome “Daniel Dante e la Compagnia del Lumen Magico”.  Il libro è un fantasy young-adult ambientato a Venezia davvero appassionante e coinvolgente altamente consigliato per chi ama questo genere di libri.

Detto questo vi chiederete ora…Chi è Silvio Coppola?

Silvio Coppola è un musicista, uno scrittore, un giornalista e un conduttore radiofonico, ma sopratutto è padre e questo è stato determinante per la realizzazione del suo libro!

Intervistando Silvio sono venuti alla luce degli aspetti interessanti… Vediamo come ha risposto alle nostre domande!

Silvio Coppola

Silvio Coppola, ti sei ispirato a qualcuno in particolare quando hai descritto il protagonista del libro o è un puro personaggio di fantasia?

 

Mi sono ispirato ai miei due figli, sia nell’aspetto fisico che in quello intellettivo. Quando qualcuno mi dice che ho costruito un personaggio un po’ troppo colto per la sua età, gli rispondo che non ha conosciuto i miei figli. Sono cresciuti a pane e Piero Angela, con contorno di Vivaldi e Jobim, proprio come Daniel. Questa è stata una cosa buona, ma gli ha anche creato problemi nell’interfacciarsi con i coetanei che invece parlavano di wrestling e trappers, proprio come Daniel.

 

Daniel Dante e la sua storia sono una metafora per descrivere qualcosa che va aldilà di ciò che racconti o è una storia, punto?

Cerco di trasmettere un messaggio positivo. Non uso un linguaggio volgare nel mio quotidiano, perché dovrebbero farlo i protagonisti delle mie storie? Forse perché oggi gli eroi sono persone disturbate, deluse dalla vita, prive di ottimismo. I miei, no. Ci può essere tensione anche senza sevizie o fiumi di sangue che scorrono o budella sparse sul pavimento. Ovviamente è più semplice arrivare alla paura attraverso il raccapriccio, piuttosto che riuscire a creare un’atmosfera di tensione e di suspense senza facili scorciatoie. Non è da tutti. Ecco, vorrei andare in controtendenza e trasmettere un po’ di positività ai ragazzi e ai lettori tutti, aggrediti da violenza, turpiloquio, sesso aggressivo e negatività.

Silvio Coppola

Silvio, a chi si rivolge il libro?

A chi ama leggere e a chi non perde mai il contatto con il sogno e la fantasia, anche a cent’anni.

 

Contatti: https://silviocoppola.com/

Facebook Comments

Translate »