Il Friulano Tacoli Asquini un vino bianco fresco e piacevole

Spread the love

Il Friulano Tacoli Asquini un vino bianco fresco e piacevole, molto profumato perfetto per gli aperitivi con amici e parenti.

friulano-tacoli-asquini-vino-bianco
friulano-tacoli-asquini-vino-bianco

Buongiorno carissimi oggi vi parlo di uno dei vini bianchi dell’azienda Tacoli Asquini, il Friulano. Un vino bianco fresco e profumato perfetto per gli aperitivi. Il suo colore è un giallo paglierino dorato, il profumo è fruttato e delicato con una nota leggermente amarognola.

Descrizione del vino

Classificazione: Doc Friuli Grave

Tipo: Bianco

Gradazione alcolica: 13°

Anno d’Impianto : 1990

Terreno: Ghiaia alluvionale

Epoca di vendemmia: prima decade di settembre

Metodo di raccolta: Meccanica

Vinificazione : Pigia di  raspatura delle uve altamente concentrate e mature, successiva macerazione sulle bucce a bassa temperatura con uso di enzimi per la chiarifica statica. Fermentazione alcolica con lieviti selezionati a temperatura controllata e successiva fermentazione malolattica ( fasi sempre in assenza di So2 ). Dopo 3 settimane dalla vendemmia viene travasato e rimane sui lieviti fino al momento dell’imbottigliamento.

Capacità di invecchiamento: 2 anni

Vino: Colore giallo paglierino, bouquet articolato ed armonico, fresco con sentore di mandorla, in bocca morbido e profondo.

 

Le mie impressioni: Al primo assaggio si nota un lieve sentore di mandorla, il sapore è corposo e morbido. Accostato al prosciutto San Daniele vi assicuro è la fine del mondo!

Si può gustare anche con i risotti, piatti a base di pesce e fritti come il  “cuoppo” il fritto misto napoletano di pesce. Niente di meglio che sedersi al fresco della propria terrazza a sorseggiare un buon vino fresco e spiluccare pesce fritto in pastella in ottima compagnia.

RIFERIMENTI:

e-commerce http://www.vini-friulani.it/it/

Facebook Comments

Precedente I crimini commessi contro le persone vulnerabili sono i peggiori Successivo Clone, dal 26 giugno in libreria il nuovo romanzo di Paolo Negro.