Dieci gesti da evitare per non incorrere in vacanze straniere imbarazzanti

Spread the love

Dieci gesti da evitare per non incorrere in vacanze straniere imbarazzanti, ecco il significato dei gesti di mano e corpo in varie parti del mondo.

 

 

 

Lo sapevate che esiste un galateo da rispettare anche per la gestualità? Vi è mai capitato di andare all’estero e venir guardati “male” dopo aver fatto un gesto con la mano? Noi italiani, si sa, gesticoliamo molto per esprimerci e io vi fornirò qualche consiglio per evitare di creare situazioni imbarazzanti durante i vostri viaggi, siano di vacanza o lavoro.

In Brasile mettere il pugno sulla fronte, magari accompagnato da un grugnito o una vocina stridula, significa dare dell’idiota. La scena potrà causare ilarità su chi vi sta attorno ma non al vostro diretto interlocutore.

Paesi Baltici, Brasile, Spagna, Colombia e Portogallo evitate di fare il gesto delle corna con la mano perchè ha lo stesso significato italiano ma non suscita ilarità bensì viene preso molto sul serio quindi fate attenzione.

In Grecia evitate le mani ad angolo verso il basso con la punta in direzione dei genitali, state dicendo all’interlocutore che lo ignorate.

In India e Pakistan il pugno con pollice tra i denti è molto offensivo, vuol dire mandare a quel paese l’interlocutore e tutta la sua famiglia. 

In Belgio e Tunisia il gesto di menefreghismo (la mano sotto il mento tipica del “chi se ne frega”, Ndr.) significa che vi siete persi.

In Turchia, Russia e Indonesia il pugno stretto con pollice tra indice e medio vuol dire fottiti e in altri Paesi simboleggia le parti basse femminili.

In Europa del Sud e Brasile il gesto da noi chiamato “dell’ombrello” è molto offensivo, significa fottiti e viene spesso utilizzato dalle tifoserie calcistiche per mandare a quel paese i tifosi avversari.

In Medio Oriente, Grecia, Messico e Africa il gesto dell’altolà definito “moutza” simboleggia un grande disappunto, è un gesto dalle origini molto antiche, per la precisione nacque a Bisanzio quando i criminali erano incatenati agli asini e venivano fatti girare per le strade delle città.

In Bulgaria e Grecia evitate di scuotere la testa per noi vuol dire diniego invece in questi Paesi vuol dire si, scuoterla alzando e abbassando la testa da noi è segno di assenso mentre per loro vuol dire no.

In Vietnam evitate di incrociare le dita perchè è molto offensivo se rivolto ad un’altra persona: indica i genitali femminili.

Facebook Comments

Precedente Come fare per mantenere la casa fresca in estate e risparmiare Successivo Mulan la vera storia di una donna forte e coraggiosa