Autoprodurre detersivi per rispettare l’ambiente si può

Spread the love

Autoprodurre detersivi per rispettare l’ambiente si può, è eco-friendly, ci fa risparmiare e ci dona un bucato pulito e profumato.

Anche voi amate l’ambiente che vi circonda e volete fare del vostro per renderlo più pulito e sano? Iniziate da piccole cose, magari in casa vostra, da cose che utilizzate quotidianamente.

 

Alcune ricette per realizzare detersivo e ammorbidente

La cosa più semplice per ridurre l’inquinamento e risparmiare qualche soldino è decisamente autoprodurre i detersivi, divertente e pratico, con tante variabili in gioco dove il protagonista principale sono gli ingredienti naturali. Utilizzando prodotti naturali si ha la certezza che il prodotto sia sicuro, privo di elementi chimici che possono essere nocivi per la nostra salute e per l’ambiente in cui viviamo. Gli ingredienti li abbiamo tutti nelle nostre dispense , primi fra tutti il bicarbonato e l’aceto, detergono perfettamente i capi e mantengono i colori vividi e i capi morbidi. Produrre i detersivi in casa aiuta sopratutto a ridurre il quantitativo di rifiuti prodotti grazie al riutilizzo dei flaconi.

Eccovi alcune ricette semplicissime per iniziare a rispettare un pò di più il nostro pianeta e risparmiare:

Detersivo a base di acido citrico, il bicarbonato di sodio e l’acido citrico (il succo del limone per intenderci) sono alla base delle ricette per realizzare il sapone fatto in casa, può essere utilizzato come anticalcare, ammorbidente, sbiancante, disincrostante, brillantante per la lavastoviglie. Per realizzarlo vi basterà utilizzare questo dosaggio: 150 gr di acido citrico(succo di limone), 2 cucchiai di aceto tiepido, qualche goccia di olio essenziale, un lt d’acqua, prendete la bottiglia con il dosatore e aggiungeteli uno per volta, agitate bene e utilizzate.

Detersivo per bucato fatto in casa, è possibile con pochi centesimi realizzare ben 2,5 litri di detersivo per il bucato evitando di avvelenare con prodotti nocivi la nostra pelle, sopratutto per chi è molto delicato ed evitare di inquinare con plastica inutile perchè potremmo riciclare il flacone del detersivo che usavamo in precedenza. Per realizzarlo prendete una pentola d’acciaio e portate a bollore 2,5 lt di acqua, aggiungete successivamente 250 gr di sapone di marsiglia grattugiato e fate sciogliere completamente il sapone a fiamma bassa sempre mescolando per alcuni minuti. Ora, facendo attenzione a non scottarsi, frullate il composto per circa un minuto. Mettete il coperchio e fatelo raffreddare. Dopo un paio d’ore di raffreddamento il detersivo per il bucato è pronto per essere utilizzato. Per renderlo più sbiancante aggiungete un pochino di bicarbonato di sodio.

Detersivo col sapone Alga , questo detersivo è sia ecologico che economico, il sapone Alga è un panetto giallo di sapone all’olio di cocco che possiamo trovare in tutti i negozi di casalinghi e detersivi e ha un costo irrisorio (sui 2 euro al kg, Ndr). Il sapone realizzato con questo panetto è perfetto per detergere bucato a mano e lavatrice. Ecco il dosaggio per preparare il detersivo, 2 panetti di sapone Alga, 400 ml di acqua corrente. Tagliate il sapone Alga a tocchetti, consiglio di tenerlo in frigorifero almeno un paio d’ore prima dell’utilizzo perchè ha una consistenza gelatinosa. Mettete i tocchetti di sapone dentro una pentola a fiamma media e portate ad ebollizione. Non appena il composto giunge a bollore spegnete il fuoco e mettete il coperchio. Il sapone deve essere completamente sciolto, se non lo è portate di nuovo ad ebollizione sino a completo scioglimento. Quando il sapone si è raffreddato lo travasate in un contenitore e aggiungete qualche goccia di olio essenziale, molto buono quello alla lavanda.

Queste ricette sono perfette anche per chi in campo di autoproduzione è neofita, chi insomma si ritrova per la prima volta a pasticciare con prodotti realizzati in casa, con le mie dritte vedrete che in breve tempo acquisterete manualità risparmiando e rispettando l’ambiente che vi circonda.

Facebook Comments

Precedente Scavi archeologici di Pompei dove tutto è sospeso nel tempo Successivo Templi di Paestum, una camminata tra le rovine in una giornata di primavera